lunedì 8 aprile 2013

Settimana dall'1 al 7 aprile 2013



Questa settimana ho ripeso la preparazione mirata alle prossime due maratone. Visto che non ho velleità cronometriche, e soprattutto perché ha dato i suoi frutti, rifaccio la stessa tabella già usata per Roma. Ovviamente con tutti gli adattamenti del caso, principalmente perché non ho 16 settimane e perché le maratone sono 2.
Settimana che mi porta delle ottime sensazioni perché il primo giorno ho fatto 17 km di CM senza problemi e con una buona media (per me, ovviamente), poi  ho fatto  3 uscite di CL e l’ho fatta anche 15/20 secondi più velocemente che in passato. Forse saranno state le due settimane di scarico/riposo o forse è solo una questione psicologia: non so perché ma mi sento più libero, più tranquillo, non ho il timore di non farcela e questo mi fa correre con meno pensieri e forse anche meglio!
Soddisfatto lunedì per il medio, soddisfatto gli altri giorni per il ritmo della CL… però rivedendo i dati a freddo c’è qualcosa che non mi torna: tra CL e CM dovrebbero esserci 20/25 secondi di differenza invece la differenza è di pochi secondi. Ho fatto la CM troppo lenta o la CL troppo veloce?
Il lato negativo, di questa settimana,  è dato dal LL. Avrei voluto fare un LL da 33 km a 4’45”, l’ho chiuso a 4’48” di media. Non sono quei 3 secondi a preoccuparmi ma la gestione. Appena partito ho incontrato l’amico Nicola, ancora in licenza, che mi ha accompagnato per i primi 17 km, dove tra una chiacchiera e l’altra la media è stata di 4’37. Quando sono rimasto solo, e la stanchezza si è fatta sentire, la media è fisiologicamente calata, ma il dramma è arrivato intorno al km 30 quando per la prima volta da quando corro (da poco…) sentivo di non avere più la forza per andare avanti e se non avessi avuto il “problema” di tornare a casa mi sarei fermato sicuramente. Evidentemente ho pagato la prima parte dell’allenamento quando sono andato tropo veloce, ad una velocità che ancora non mi appartiene sulle lunghe distanze. Sono convinto che se avessi mantenuto un ritmo più costante sin dall’inizio e soprattutto se non mi fossi allontanato molto dal ritmo previsto, non avrei avuto problemi. Anche se la sensazione post allenamento è stata veramente negativa, non mi preoccupo più di tanto, perché non ho l’ansia da prestazione; so già che difficilmente riuscirò a fare il pb nelle prossime maratone che ho in calendario e quindi non mi dispero più di tanto. Il giorno dopo, ho fatto un’oretta di CLR, al ritmo che fino a qualche settimana fa era di CL, e non ho avuto alcun problema. Probabilmente ho avuto ragione: sono partito troppo forte per il LL ed alla fine ho pagato il conto!
Anche questa settimana ho mancato per poco il mio primo appuntamento con i 100 km settimanali, ne mancava solo uno e mezzo: la prossima volta farò i calcoli in anticipo perché voglio togliermi questa ulteriore soddisfazione.
Domenica prossima mi aspetta una mezza maratona, da fare in casa (Bari), senza particolari ambizioni cronometriche; non ho ancora in mente quanto (probabilmente tra 1h35’ ed 1h40’), ma la farò con un po’ di amici e questo mi basta!

Lunedì 01/04/2013: 17 km CM (4’34).
Sensazioni: corsa leggermente impegnata, ma nel complesso tutto ok!
Fc media 156 bpm - Fc max 163 bpm
Martedì 02/04/2013: 12 km CL (4’47”).
Sensazioni: oggi c’era un vento forte, infatti la prima parte, quella in salita, l’ho fatta a 5’ di media.
Fc media 157 bpm - Fc max 166 bpm
Mercoledì 03/04/2013: 12 km CL (4’40”).
Sensazioni: corsa “tranquilla”.
Fc media 159 bpm - Fc max 216 bpm. La max nei primi minuti.
Giovedì 04/04/2013: 12 km CL (4’38”).
Sensazioni: anche oggi corsa “tranquilla”.
Fc media 157 bpm - Fc max 164 bpm.
Venerdì 05/04/2013: riposo.
Sabato 06/03/2013: 33 km a 4’48”.
Sensazioni: la prima parte con l’amico Nicola, è andata troppo veloce (4’37”), velocità che ho pagato nella seconda metà dell’allenamento quando la stanchezza si è fatta sentire ed ho fatto gli ultimi 3/4 km quasi in “agonia”
Fc media 154 bpm - Fc max 164 bpm.
Domenica 07/03/2013: 12 km CLR (5’04”)
Sensazioni: uscita tranquilla, con il gruppo della società. Gambe e fiato ok, nonostante l’allenamento di ieri.
Fc media 138 bpm - Fc max 177 bpm.

Km totali: 98,54 in 7H48'06".

10 commenti:

  1. ah, ecco! Hai praticamente quasi finito il glicogeno muscolare. Se non ricordo male, ma posso verificare, sotto la soglia del 30% di risorse diviene difficile proseguire, scendendo ancora sostanzialmente non si avanza più. Quasi sicuramente a 4'37" hai intaccato parecchie di tali risorse

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono completamente ignorante, non conosco e non ho mai letto niente di "teoria" sulla corsa... sono la calssica persona alla quale dicono "fai 10x1000" ed io le faccio senza chiedere il perchè. Già devo pensare troppo al lavoro e nella vita quotidiana, almeno nello svago voglio evitare di studiare :-D. Quindi se mi dici che ho finito il glicogeno muscolare mi costringi ad andare su google e cercare il significato di questi strani termini... anzi no, sono troppo pigro per leggere queste cose, domenica me lo spieghi di persona!

      Elimina
  2. Lunedì e giovedì hai fatto due lavori identici e uno è CM e l'altra CL... c'è qualcosa che non quadra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si lo so che non quadra, infatti l'ho scritto anche io, non so se ho fatto la CL troppo veloce o la CM troppo lenta. E comunque, per, almeno per me, c'è molta differenza tra 4'34" e 4'38" e poi 4'34"è stato fatto per 17 km, mentre 4'38" per meno di un'ora... tu che dici?

      Elimina
  3. Non avendo velleità cronometriche vuol dire che ti godi appieno le prossime maratone quindi puro divertimento...è bello anche così.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, la seconda offre dei paesaggi fantastici (il gargano), la prima, invece, è particolare sia per il percorso, che prevede 21/22 giri in un piccolo centro lucano, sia perchè vi è un'ambientazione/rievocazione storica dei cavalieri templari.

      Elimina
  4. Anche i lavori che danno sensazioni negative servono a costruire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, sicuramente mi sarà di insegnamento!

      Elimina
  5. Tieni anche conto che ogni giorno non è uguale all'altro. Nel senso che a parità di tracciato e di ritmo, lo sforzo non è quasi mai lo stesso. Dipende molto da stanchezza, stress ecc. Almeno per me è così!

    RispondiElimina